Riesling 2015 anteprima in 270 assaggi

[vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”yes” type=”grid” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern” css_animation=”” css=”.vc_custom_1475856962388{padding-bottom: 20px !important;}”][vc_column][interactive_banner_2 banner_style=”style1″ image_opacity=”1″ image_opacity_on_hover=”1″][vc_column_text]

A Wiesbaden di scena i Grosses Gewächs, ossia la versione secca tratta dalla denominazione di punta Grosse Lage di questo vino unico, dono dei suoli sudoccidentali tedeschi e delle latitudini settentrionali

[/vc_column_text][vc_column_text]

di Alessandra Piubello

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”75px”][vc_column_text]

Rliesling: cristallinità, energia, purezza. E ancora: finezza, rigorosità, versatilità e longevità. Quintessenza della mineralità. Vino unico, in miracoloso contrappeso tra alta acidità, basso tenore alcolico e residuo zuccherino. Racconta l’essenza di un’uva refrattaria e ribelle alle manipolazioni in cantina. Un dono delle latitudini settentrionali (siamo tra il 49° e il 51° grado di latitudine), dei suoli diversificati della Germania sud-occidentale e di un vitigno che mirabilia, espressione maxima del genius loci terroirista. Il clima «fresco» (anche qui si risente del cambiamento climatico: è stato stimato che il territorio si è scaldato di un grado negli ultimi 25 anni), le giaciture e le esposizioni a sud, consentono di far maturare le sue uve molto lentamente che si arricchiscono così di estratti, acidità, zuccheri, sostanze aromatiche. Una varietà (fra le prime a fiorire e solitamente una delle ultime a essere vendemmiata, con la più lunga vita vegetativa in assoluto) che proprio per la sua complessità e «saggezza» manifesta la sua distintività inimitabile e la sua emozionante magia nel tempo, con l’evoluzione in bottiglia. Inevitabile, il suo fascino catalizzante ci riporta all’anteprima dei Grosses Gewächs organizzata dal Vdp a Wiesbaden. Chiariamo subito il significato della sigla.

[/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern” css_animation=””][vc_column width=”1/6″][/vc_column][vc_column width=”2/3″]

Bottiglie logate GG, ossia Grosses Gewächs, vino che deriva dalla denominazione di maggior qualità Grosse Lage secondo la classificazione del Vdp, unione tedesca dei viticoltori di qualità e dei poderi di denominazione, che ha organizzato gli assaggi dell’annata 2015 dei Riesling, vino unico figlio delle particolari condizioni pedoclimatiche dei territori della Germania sud-ovest.
[/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”parallax” parallax_content_width=”in_grid” text_align=”left” full_screen_section_height=”no” css=”.vc_custom_1494099917908{padding-bottom: 20px !important;}”][vc_column][vc_empty_space][vc_column_text]

Il Vdp (Verband Deutscher Qualitäts und Prädikatsweingüter, traducibile in unione tedesca dei viticoltori di qualità e dei poderi di denominazione) è un’associazione fondata nel 1910 che annovera l’élite della viticoltura tedesca e che negli ultimi anni ha portato avanti l’importante progetto della classificazione territoriale. Su esempio delle Aoc francesi (Borgogna docet: Grand cru, Premier cru e via dicendo), ha promulgato uno statuto (riservato ai soci) per i vini di grande qualità che, pur rispettando le categorie di concentrazione zuccherina nel mosto, premia però le migliori vigne e le basse rese. Ecco il sistema, operativo dalla vendemmia 2012, in ordine d’importanza qualitativa: Grosse Lage (la punta della piramide, con rese massime di 70 quintali per ettaro), Erste Lage, Ortswein e Gutswein. Il nome Grosses Gewächs (Gg) designa un vino secco tratto dalla denominazione di punta Grosse Lage.

[/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”parallax” parallax_content_width=”full_width” in_content_menu=”in_content_menu” content_menu_icon=”” text_align=”left” full_screen_section_height=”no”][vc_column]

Un momento della degustazioni che ha interessato 270 campioni dell’annata 2015 provenienti delle differenti regioni, tra cui la celebre Mosella.
[/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”yes” type=”grid” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern” css_animation=”” css=”.vc_custom_1475856962388{padding-bottom: 20px !important;}”][vc_column][vc_empty_space][vc_column_text]

Il quadro degustatorio d’insieme, tratteggiato dalle pennellate dei 270 campioni assaggiati, ci porta a considerare la Nahe come la regione emersa meglio, con picchi di assoluta eccellenza. Conferme da Rheingau e dalla Mosel-Saar-Ruwer, dall’Assia Renana e dal Palatinato. Nella Franconia (presente però con soli 16 campioni) si sono distinti gli Am Lumpen 1655 di Horst Sauer e di Michael Fröhlich, nel Württemberg (fra i 15) spiccava nettamente il Pulvermächer di Karl Haidle e poi il Gips di Gerhard Aldinger. In generale l’annata 2015 si è dimostrata all’altezza delle aspettative, tanto che viene paragonata alla 1959 e 1971, due millesimi leggendari. Il Rinascimento del Riesling, cominciato negli anni 90, continua con successo il suo percorso di eccellenza, quest’anteprima lo dimostra. Nell’800 e fino agli anni 20 del ’900, godeva di un prestigio mondiale ed era presente nelle migliori carte dei vini con prezzi superiori ai più famosi Bordeaux, Borgogna e Champagne (per egoismo da Riesling addicted, fortunatamente i prezzi dei secchi, categoria che sta conoscendo un rinnovato interesse, oggi invece sono in genere convenienti). Ad maiora Riesling!.……PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO ACQUISTA IL MAGAZINE 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”grid” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern” css_animation=”” css=”.vc_custom_1463146163185{padding-top: 50px !important;padding-bottom: 44px !important;}”][vc_column width=”1/2″]

Campioni dai collari di diverso colore di vini della denominazione Grosse Lage da preparare per la degustazione dei Grosse Gewächs 2015 organizzata dall’ente tedesco Vdp a Wiesbaden.

Un momento della degustazioni che ha interessato 270 campioni dell’annata 2015 provenienti delle differenti regioni, tra cui la celebre Mosella
[/vc_column][vc_column width=”1/2″]

Caro Maurer, master of wine nonché giornalista bavarese, tra gli invitati ai Grosse Gewächs come la «nostra» Alessandra Piubello.

[/vc_column][/vc_row]